Cinema 4D Funzionalità Aggiuntive MoGraph Effettuatori Effettuatore Adattamento
Funzione disponibile in CINEMA 4D Broadcast, Studio
Adattamento

Base Coord. Effettuatore Deformatore Decadenza

Effettuatore

Forza [-∞..+∞%]

Il valore Forza misura la forza complessiva dell'Effettuatore. Come per altri valori Forza, anche questo può avere un settaggio inferiore allo 0% o superiore al 100%.

Selezione

A sinistra un Effettuatore Passo senza una selezione, a destra con una selezione.

E’ possibile trascinare in questo campo un tag Selezione MoGraph o un tag Mappa Peso MoGraph (oppure potete inserirli automaticamente selezionando un Oggetto Clona e una Selezione/Mappa Peso MoGraph esistenti) e creare un Effettuatore.

L’Effettuatore lavorerà quindi come segue, a seconda delle impostazioni del tag:

Modo

I vari modi. Osservate il comportamento dei cloni che si intersecano nello stadio iniziale.

L’Effettuatore Adattamento reagisce in modo diverso se il Raggio è largo abbastanza da permettere all’effetto di svolgersi in modo appropriato.

Sono disponibili i seguenti modi:

Nascondi

I cloni non saranno spostati; saranno nascosti. Può anche accadere che siano nascosti più cloni del necessario.

Questa modalità ha un algoritmo chiamato "blue noise” integrato, che si assicura che i cloni vengano dispersi quando si lavora con quantità elevate di cloni, come ad esempio in rappresentazioni di biologia o fauna (vedi cellule, alberi nelle foreste ecc). Si ottiene una distribuzione casuale, dove viene mantenuto uno spazio minimo e dove il livello di casualità è più alto rispetto alla modalità Adattamento.

In questo caso il cursore Forza non ha effetto. La modalità Nascondi può essere attiva o disattiva, non ci sono stadi intermedi.

Sposta e Adatta

In questa modalità viene fatto un tentativo (compatibilmente con il valore Raggio definito) per creare la distanza minima stabilita tra i cloni, spingendoli leggermente da parte. Se i cloni si trovano troppo vicini l’uno all’altro, l’intero gruppo di cloni sarà "gonfiato” a livello spaziale (anzichè siano i singoli cloni a cercare uno "spazio libero” in cui spostarsi).

Se si presentano intersezioni (in genere ciò accade in presenza di tanti cloni), aumentate il valore Iterazione.

Scala e Adatta

I cloni interessati saranno scalati non appena le "sfere virtuali” si intersecano (vedi Raggio). Più grande è l’intersezione, più i cloni saranno rimpiccioliti. I cloni molto vicini tra loro saranno resi ancora più piccoli all’aumentare del valore del Raggio.

Supponiamo che stiate usando delle sfere poligonali come cloni e che abbiate definito qui un raggio per la sfera: le sfere ridimensionate si sfioreranno appena.

Lungo X
Lungo Y
Lungo Z

A grandi linee questa funzione lavora in modo simile a Adattamento, solo che i cloni saranno spostati unicamente lungo l’asse qui definita. Questo è davvero utile se per esempio i cloni sono disposti sulla superficie di un oggetto (supponiamo una sfera) e i cloni venissero spinti verso l’esterno della superficie. Grazie a questa modalità i cloni NON potranno essere spinti in una direzione qualsiasi.

Raggio [0..+∞m]

Immaginate che ogni clone abbia intorno a sè una sorta di "sfera virtuale” con questo raggio. Se i raggi si intersecano, l’Effettuatore Adattamento reagirà di conseguenza, in base al Modo selezionato.

Se usate gli Effettuatori e modificate la scalatura: la scalatura influenzerà il raggio definito qui! Questo significa che se definite un Raggio di 20 e la scalatura ha un Raggio di 2, il raggio reale sarà 40.

Iterazione [0..1000]

Questo settaggio può essere visto come una sorta di controllo qualità. L’Effettuatore Adattamento lavora in modo interattivo e quindi richiede la presenza di un limite incorporato. L’applicazione si ripete finché viene soddisfatta una certa condizione (si deve raggiungere un determinato Raggio tra i cloni oppure si deve raggiungere il conteggio definito dall’iterazione).

Più cloni avete, maggiore è la probabilità che il valore Iterazione debba essere aumentato, al fine di raggiungere il raggio definito o la distanza minima.

Più grande è il valore, più preciso sarà il risultato (e più lunghi saranno i tempi di rendering!)