Funzionalità Base di Cinema 4D Gestione Oggetti Menu Tag Vari Tag Movimento Camera
Funzione disponibile in CINEMA 4D Visualize, Broadcast, Studio
Movimento Camera

Base Rig Animazione Dynamics Motion Focus

Motion

I settaggi della tab Motion possono essere utilizzati per aggiungere dei piccoli (o ampi) movimenti casuali della camera (footstep).

Contrariamente ai settaggi della tab Dynamics che reagiscono solo alle modifiche in movimento, i settaggi della tab Motion muovono la camera stessa.

Presettaggi

Qui è possibile selezionare diversi tipi di movimenti presettati. Questo range di movimenti coprirà la maggior parte degli utilizzi, il che significa che i rimanenti parametri non dovranno essere modificati.

Se si seleziona Pacato, la camera rimarrà statica in quanto i valori Intensità saranno impostati allo 0%. Dogma invece è il settaggio con più movimenti.

Tutti i parametri Intensità hanno una piccola freccia a sinistra del parametro stesso: se ci cliccate sopra renderete disponibili ulteriori settaggi.

Passi (Footstep)

L’algoritmo utilizzato qui è basato sulla camminata umana e con frequenze e ampiezze realistiche, che prendono in considerazione sia la dimensione della camera (Altezza) sia la velocità della camminata.

Suggerimento:
Notate che Passi è un effetto dinamico, quindi l’animazione deve essere fissata prima del rendering con Team Render.

Intensità [0..+∞%]

Utilizzate questo valore per definire l’intensità di Passi (che comprende solo il movimento di posizione e NON il movimento di rotazione) il quale, se osservato dal davanti o da dietro, assumerà la forma di un 8 sul pavimento (il movimento, comunque, non è costante e varia periodicamente).

Un valore pari allo 0% disattiverà i piedi ed un valorie maggiore aumenterà la dimensione dell’ ”8" di conseguenza.

Scala [XYZ ]

Utilizzate questo valore per scalare il sovramenzionato "8" in tutte e 3 le dimensioni del rig camera. Scala rappresenta un moltiplicatore del movimento creato dall’altezza del rig camera e dalla velocità del movimento. Se impostato a 1, 1, 1, il movimento realistico deriverà dai dati statici utilizzati.

Frequenza [-∞..+∞]

Anche questo valore è un moltiplicatore. Esso è utilizzato per aumentare (se maggiore a 1) o diminuire (se minore a 1) la frequenza dei passi in base ai settaggi del rig camera. E’ definito un valore default pari 0.5, in quanto produce una buona frequenza media.

Rotazione Testa / Rotazione Camera / Posizione Camera

Questi 3 parametri hanno gli stessi settaggi e possono essere utilizzati per definire posizioni morbide e casuali e movimenti di rotazione:

I movimenti casuali vengono calcolati utilizzando valori disturbo. Se osservate Disturbo (vedere anche Disturbo) potete vedere che è composto da valori grigio casuali che si modificano lentamente. Nello stesso modo si può creare un movimento morbido della camera. Per definire questo disturbo sono utilizzati i seguenti parametri, che influenzano i movimenti della camera.

Intensità [0..+∞%]

Utilizzate questo valore per regolare l’intensità dei movimenti casuali.

Max [HPB °]

Utilizzate questi tre valori per definire il range massimo di Posizione e Rotazione in tutte e tre le dimensioni.

Frequenza [XYZ ]

Utilizzate questi tre valori per definire la variazione di velocità nel cambio di posizione e rotazione sui tre assi. Valori maggiori daranno come risultato movimenti ad alta frequenza, mentre valori minori produrranno movimenti più lenti.

Ottave [0..+∞]

Utilizzate questo valore per definire la regolarità dell’effetto disturbo (vedere analogia qui sopra): valori maggiori produrranno movimenti più irregolari, inclusi piccoli movimenti. Per quanto riguarda i movimenti della camera, questo si tradurrà in un movimento più nervoso, turbolento e casuale.

DeSync [0..+∞]

Ai parametri i cui valori possono essere definiti separatamente per i tre assi (Max, Frequenza), si possono applicare 3 diversi disturbi. Maggiore è il valore DeSync, più questi disturbi lavoreranno in modo indipendente l’uno dall’altro. Se il valore viene impostato a 0 e tutti i valori Offset sono uguali, gli effetti disturbo saranno "sincronizzati” e raggiungeranno i loro picchi minimi e massimi contemporaneamente. Un esempio tipico sarebbe il movimento diagonale della camera. Valori maggiori produrranno risultati più naturali, simili a movimenti "umani”; valori minori produrranno movimenti più meccanici.

Offset [XYZ m]

Questo settaggio può essere considerato come un punto di partenza per i valori di disturbo. E’ possibile utilizzare questi valori per generare variazioni nel disturbo. Tuttavia, raramente sarà necessario modificarli.

Intensità [0..+∞%]

Utilizzate questo valore per regolare l’intensità dei movimenti casuali.

Max [HPB °]

Utilizzate questi tre valori per definire il range massimo di Posizione e Rotazione in tutte e tre le dimensioni.

Frequenza [XYZ ]

Utilizzate questi tre valori per definire la variazione di velocità nel cambio di posizione e rotazione sui tre assi. Valori maggiori daranno come risultato movimenti ad alta frequenza, mentre valori minori produrranno movimenti più lenti.

Ottave [0..+∞]

Utilizzate questo valore per definire la regolarità dell’effetto disturbo (vedere analogia qui sopra): valori maggiori produrranno movimenti più irregolari, inclusi piccoli movimenti. Per quanto riguarda i movimenti della camera, questo si tradurrà in un movimento più nervoso, turbolento e casuale.

DeSync [0..+∞]

Ai parametri i cui valori possono essere definiti separatamente per i tre assi (Max, Frequenza), si possono applicare 3 diversi disturbi. Maggiore è il valore DeSync, più questi disturbi lavoreranno in modo indipendente l’uno dall’altro. Se il valore viene impostato a 0 e tutti i valori Offset sono uguali, gli effetti disturbo saranno "sincronizzati” e raggiungeranno i loro picchi minimi e massimi contemporaneamente. Un esempio tipico sarebbe il movimento diagonale della camera. Valori maggiori produrranno risultati più naturali, simili a movimenti "umani”; valori minori produrranno movimenti più meccanici.

Offset [XYZ m]

Questo settaggio può essere considerato come un punto di partenza per i valori di disturbo. E’ possibile utilizzare questi valori per generare variazioni nel disturbo. Tuttavia, raramente sarà necessario modificarli.

Intensità [0..+∞%]

Utilizzate questo valore per regolare l’intensità dei movimenti casuali.

Max [XYZ m]

Utilizzate questi tre valori per definire il range massimo di Posizione e Rotazione in tutte e tre le dimensioni.

Frequenza [XYZ ]

Utilizzate questi tre valori per definire la variazione di velocità nel cambio di posizione e rotazione sui tre assi. Valori maggiori daranno come risultato movimenti ad alta frequenza, mentre valori minori produrranno movimenti più lenti.

Ottave [0..+∞]

Utilizzate questo valore per definire la regolarità dell’effetto disturbo (vedere analogia qui sopra): valori maggiori produrranno movimenti più irregolari, inclusi piccoli movimenti. Per quanto riguarda i movimenti della camera, questo si tradurrà in un movimento più nervoso, turbolento e casuale.

DeSync [0..+∞]

Ai parametri i cui valori possono essere definiti separatamente per i tre assi (Max, Frequenza), si possono applicare 3 diversi disturbi. Maggiore è il valore DeSync, più questi disturbi lavoreranno in modo indipendente l’uno dall’altro. Se il valore viene impostato a 0 e tutti i valori Offset sono uguali, gli effetti disturbo saranno "sincronizzati” e raggiungeranno i loro picchi minimi e massimi contemporaneamente. Un esempio tipico sarebbe il movimento diagonale della camera. Valori maggiori produrranno risultati più naturali, simili a movimenti "umani”; valori minori produrranno movimenti più meccanici.

Offset [XYZ m]

Questo settaggio può essere considerato come un punto di partenza per i valori di disturbo. E’ possibile utilizzare questi valori per generare variazioni nel disturbo. Tuttavia, raramente sarà necessario modificarli.